Ancora e ancora, il grido instancabile delle cicale trafigge l’aria afosa dell’estate come un ago al lavoro su uno spesso panno di cotone.

Summer’s Ikebana

Luca Ramacciotti - Sogetsu Concentus Study Group

Inizio questo post estivo con, per titolo, una citazione di Yukio Mishima che mi è venuta in mente oggi mentre percorrevo i viali della Fondazione Cerratelli (ero andato a visionare i costumi per La Traviata) e le cicale frinivano attorno a me. E’ un’estate calda, afosa e si sta incorrendo in gravi siccità causate dalla mancanza di pioggia.

Oggi per strada persino i girasoli avevano il capo chino e il gambo piegato ed io avrei voluto tanto con mei i miei preziosi ventagli giapponesi. Un’estate “densa” come l’ha descritta anche la Iemoto.

11888618_10153557190142509_2818957165696652563_o.jpg

Sul sito della scuola Sogetsu infatti il nuovo messaggio della Iemoto Akane Teshigahara dice:

“This summer, heavy rain has caused some serious damage in various regions in Japan.
I strongly sympathize with those who have been affected by the disasters and very much hope that they will quickly regain their normal life.

The scorching hot days continue.
Particularly…

View original post 402 altre parole

Annunci

One thought on “Ancora e ancora, il grido instancabile delle cicale trafigge l’aria afosa dell’estate come un ago al lavoro su uno spesso panno di cotone.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...