Restyling di un corniolo di Remo

IMG_7390Oggi ho defogliato, potato e filato questo interessante corniolo di 40 cm di altezza, di taglia kifu, della collezione  di Remo.
IMG_7391 In questo periodo score ancora linfa, perciò le ramificazione risulta ancra facilmente modellabile con il filo.IMG_7392Immagino che sia una pianta di origine yamadori.

Lo shari non è molto interessante, preferisco metterlo sul retro della pianta.
IMG_7393 Il corniolo è già molto ramificato e presenta anche parecchie gemme da fiore.IMG_7394 Nella parte apicale c’è un grosso ramo, che forse si voleva usare come apice.IMG_7395 La pianta vista di lato.IMG_7396 Per me questo è il retro, su questo lato ci sono diversi rami di profondità.IMG_7397 IMG_7398 Qui bisognerà prendere una decisione abbastanza drastica.

IMG_7399 Decido di eliminare il grosso ramo che cresceva nella parte destra dell’apice. La decisine non è stata facile, anche perché questo ramo aveva la maggior parte delle gemme da fiore.IMG_7400 Comunque era molto grosso di spessore per un ramo apicale, e faceva molta ombra al primo ramo, cosa che l’avrebbe fatto indebolire, con il rischio di perderlo.

Con la potatura autunnale si cerca di riequilibrare la dominanza apicale.IMG_7401Appena tolto il ramo, serba che si sia formato un grosso buco nella chioma della pianta.
IMG_7402 Il corniolo dopo la filatura.IMG_7403 Fronte

La parte apicale è stata molto alleggerita.

Lo sashi-eda (ramo più importante, ramo che da la direzione) deve prendere più forza, è stato potato molto poco
IMG_7404 Lato destro.

IMG_7405 Retro.IMG_7406 Lato sinistro.IMG_7407 visto dall’alto

Tutti i rami partono dal centro verso l’esterno, tutti i rami prendono luce.IMG_7408